Featured Video Play Icon
Quale microfono per video? un guida da leggere prima di ogni acquisto
29 Novembre 2018

Microfoni da bavero: quello che c’è da sapere per iniziare a sperimentarli

Featured Video Play Icon

I microfoni da bavero si nascondono nell’occhiello della giacca e nella scollatura dei vestiti. Si trovano anche con il nome di lepel mic o lavalier microphone.

In questo video ti mostro tutto quello che c’è da sapere per iniziare e ti assicuro che ascoltare la tua voce sarà molto più piacevole.

Chi segue la pagina Facebook di immaginativi conosce il mio amore per i microfoni esterni. In particolare questi, che sono piccoli, economici e funzionali.

Perché usarli?

  1. se quello che dici è importante fai in modo che le tue parole si riescano ad ascoltare senza eco e rumore di fondo
  2. si confondono nei vestiti e quasi scompaiono alla vista. Non si notano ma la differenza si sente
  3. sono economici e quindi invitano a sperimentarli senza troppo impegno

#1 come sono i microfoni da bavero

Nel video prendo in esame due microfoni da bavero: uno della RODE e l’altro della BOYA. Il primo pensato per smartphone e l’altro per una macchina fotografica professionale DSLR.

microfoni da bavero

alimentazione

Lo SmartaLav della RODE è progettato per essere alimentato dallo smartphone che può fornire elettricità per il funzionamento. L’M1 della Boya è pensato per macchine fotografiche che non forniscono elettricità. Soprattutto gli apparecchi di gamma alta sono studiati in funzione di accessori più professionali

cavo
lo SmartLav della RODE ha un metro di cavo quindi è quasi indispensabile un prolunga se non volete un’inquadratura molto ravvicinata mentre l’M1 ha un cavo da 6 metri di lunghezza e potete allontanarvi dalla camera per realizzare il tuo video

#monta il microfono

Quando acquisti un microfono da bavero non è montato quindi. La prima cosa da fare è agganciare lo SmartLav della RODe alla molletta e poi far passare il filo nell’apposita asola.

L’M1 della BOYA si aggancia facendo pressione finché senti click. Non ha un’asola per il filo quindi io faccio un giro nell’asola. Il passaggio del filo nell’asola serve per ammortizzare i colpi nel caso in cui il filo venga accidentalmente strattonato

montare il microfono da bavero  Solo l’M1 della BOYA è provvisto di alimentazione. E’ necessario accendere l’alimentazione a batteria solo se usato con una camera. Se si usa con uno smartphone si lascia spento

# inserisci lo spinotto

Lo spinotto mini jack va inserito nell’ingresso audio di smartphone o camera compatibili. Attenzione la mini jack: c’è una sottile differenza tra smartphone e foto/video camere.

Il mini jack è uno standard ampiamente condiviso, ci sono però apparecchi foto o video – poche – che hanno degli ingressi proprietari. Controlla le specifiche tecniche della tua foto/video camera prima di fare un acquisto.

inserisci lo spinotto#posiziona il microfono

Il microfono da bavero va posizionato a circa 20 centimetri sotto la bocca, meglio se in posizione centrale. Nascondi il filo sotto i vestiti e recupera il microfono dal collo o dalla scollatura. Aggancia la mollettina per fissare il microfono e assicurarti che non si sposti.
Orienta il microfono verso il basso in modo che l’aria prodotta dalla bocca nel parlare non provochi vibrazioni troppo forti.

microfono da bavero su maglietta# muoversi con il microfono

  1. i tuoi indumenti sono quanto di più vicino ci sia al microfono: se mentre parli i vestiti sfregano sulla capsula, il rumore rovinerà irrimediabilmente la traccia audio
  2. il filo impone dei limiti: se questo si muove il rumore si sentirà
  3. il microfono è omnidirezionale quindi cattura il segnale a 360 gradi. Se però mentre parli ruoti la testa a destra o sinistra il segnale cambia e si nota una variazione del segnale

Interessato?

La guida crea il tuo set TV che ricevi gratuitamente insieme alla newsletter è il primo passo per capire come fare per realizzare un video in studio, senza troppi investimenti.

Se scopri che realizzare video ti diverte e capisci che è decisivo per il tuo business, dai un’occhiata qui sotto perché ho una consulenza pensata per dare una svolta ai tuoi video.

 

Silvia Bevilacqua

maestra di videoMAGIE

Creo video e insegno a farlo
a chi ha un'impresa STRAordinaria da raccontare

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.